Tips & Tricks – Little Miss, Big Sis!!!

ShareShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on TumblrEmail this to someonePrint this page

For the English version Click Here.

 

 

Ciao a tutti,

qualche giorno fa mi trovavo in giro per negozi e la mia attenzione è caduta proprio su questo libro, “Little Miss, Big Sis” di Amy Krouse Rosenthal e Peter H. Reynolds.

Un libro che narra una storia molto carina su una bimba a cui viene detto che diventerà sorella maggiore.

Ovviamente ho comprato il libro e leggendo la storiella, mi sono ricordata di quando a 7 anni la notizia, sono stata proprio io a riceverla!

Ma… Facciamo un passo indietro, non solo sono stata 7 anni figlia unica, il che non è stata una vera e propria tortura, ma diciamo che da quando ho compiuto 5 anni, ho lavorato sodo per far sì che i miei genitori capissero che volevo una sorellina e/o un fratellino.

Non era una questione di solitudine, perché fin da quando sono piccola ho sempre amato spendere del tempo da sola con me stessa e non ero assolutamente triste nel farlo.

Avevo una grande passione, “Barbie”, passavo le mie ore a giocare con loro, a inventarmi storie.

Possedevo case, macchine, aereo, avevo un enorme scatolone strapieno di barbie, tutte le scarpette stivate per colore, insomma le adoravo.

Ma nonostante fossi felice con miei passatemi, continuavo a pensare che mi mancasse qualcosa.

Quel qualcosa era una sorellina, della quale prendersi cura, a cui rompere le scatole quando sarebbe stato necessario, dalla quale farsi rompere le scatole, diventare complici, scherzare, odiarsi e amarsi con la stessa intensità!

Insomma, allo stesso modo in cui andando al supermercato con i miei genitori chiedevo l’ultima Barbie uscita in commercio, io volevo chiedere una sorellina.

Così, la mia missione iniziò subitissimo!

Non sapevo bene come mamma e papà avrebbero potuto darmi una sorellina, se esistevano negozi particolari, se le storie dei cavoli o delle cicogne fossero vere o meno, non mi importava molto, perchè avevo capito che nonostante tutto dipendeva da loro, quindi se volevo una sorellina avrei dovuto lavorare con e su di loro.

Mi ricordo che strappavo ogni pagina di qualsiasi giornale contenesse la foto di un bambino, e quando mamma e papà pensavano che io stessi giocando con le mie amiche barbie, in realtà sgattaiolavo in giro per la casa a nascondere le foto.

Gliele facevo trovare ovunque, cassetti, cucina, bagno, borse, insomma ovunque.

I miei genitori lavoravano e io passavo molto tempo a casa dei nonni, quindi avevo tantissimo tempo per poter fare anche dei bigliettini di richiesta.

Ovviamente, bigliettini che venivano confezionati in modo tale che fossero trovati nei posti meno pensati.

Mi ci sono voluti due lunghi anni, due anni di riviste Marie Claire (rivista preferita da mamma) strappate, due anni di bigliettini e nascondigli perfetti, due anni in cui ho sperato ogni giorno di vedere mamma e papà rientrare a casa con una sorellina!

Bè indovinate un po’? Un giorno sono rientrati dicendomi che dovevano darmi una notiziona. Sarei diventata la sorella maggiore di una bimba che si sarebbe chiamata Gaia.

WoooooW, ero felicissima, l’unico problema era che dovevo aspettare altri 9 mesi, e il tutto non me lo aspettavo proprio!!!

I lavori in casa iniziarono fin da subito, una cameretta nuova, piccolina ma molto carina fu subito arredata, la pancia di mamma cresceva in modo strano e diventava mese dopo mese sempre più grande, amici e parenti continuavano a venire a casa a portare regalini e a aiutare mamme con le cose pratiche di casa.

Insomma eravamo tutti molti eccitati, io più di tutti, finalmente avrei avuto la sorellina che avevo tanto desiderato.

Era il 16 luglio del 1998, mi trovavo a casa dei miei nonni, intorno alle 11 del mattino mi ricordo che il telefono iniziò a squillare, mio nonno si trovava accanto me, ricordo ancora la sua faccia al suono di quel telefono, ricordo ancora le sue parole, mi disse: “secondo me è arrivata Gaia!”.

E così fu. Dopo 5 minuti, mia nonna tornò nella stanza dove ci trovavamo io e mio nonno e confermò il sospetto di mio nonno, era arrivata Gaia!

Gaia era piccola, all’inizio noiosa, piangeva, mangiava e dormiva. Tutto qua!

Piano piano cresceva, e io crescevo insieme a lei, era molto vivace, mi seguiva ovunque e mi distruggeva sempre tutte le barbie, o meglio, secondo lei mettere lo smalto per le unghie sui capelli della mia barbie era un buon modo per cambiarle il colore dei capelli.

Quando lei aveva 7 anni io ne avevo già 14 ed ero un adolescente rompiscatole con la luna sempre storta, 7 anni di differenza, a quell’età non sono pochi!

È stata una lunga attesa, una crescita fatta di amore e odio, mai di gelosie, ci siamo volute bene fin da subito, e ci siamo rincontrate quando entrambe avevamo la giusta testa per farlo, diventate complici quando finalmente entrambe abbiamo capito che niente e nessuno avrebbe mai potuto rompere quel legame che ci legava ancor prima di conoscerci.

Forse è stato il forte desiderio di volersi che ci ha legate così tanto, o forse, semplicemente mamma e papà hanno saputo contribuire particolarmente bene a tenere sodo quel legame quando a diventar nemiche sono state le distanze, causate dalla mia voglia immensa di inseguire sogni dall’altra parte del mondo.

Adesso che io ho 25 anni e lei 18 il rapporto è sempre forte come prima, forse più bello, forse ci capiamo di più, ci sentiamo e cerchiamo di più, bè, non mi fraintendete, tende sempre a essere una gran rompi scatole, ma che posso dire, è la mia gran rompi scatole!!!

E voi cosa mi dite?

I vostri bimbi vi hanno mai chiesto una sorellina e/o un fratellino?

Come lo hanno chiesto?

E infine, sono dei bravi fratelli maggiori e/o sorelle maggiori?

Fatemi sapere….

Non dimenticate di seguirmi sui social e di iscrivervi al blog:

SUBSCRIBE:

[wysija_form id=”2″]

Bacio da KiKa!!!!!

For the English version Click Here.

11 thoughts on “Tips & Tricks – Little Miss, Big Sis!!!

  1. Ma tu lo sai che mi stanno scendendo le lacrime. …siete una bellissima famiglia ,in tutto. ..💓💓💓💓💓vi voglio tanto bene 😘😘😘😘😘

    1. Che scemaaa, grazie mille ti vogliamo un mondo di bene anche noi e grazie mille di seguire il mio Blog!!!!ahhahahahah

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *