Special Events – “Halloween” VS “Li Molti e Molti”

ShareShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on TumblrEmail this to someonePrint this page

For the English version Click Here.

 

Ciao a tutti,

Oggi voglio parlarvi di una delle feste più famose negli Stati Uniti, Halloween!!!

Ma non tutti sapete che nella mia tanto amata Sardegna esiste una festività, di origini diverse, ma pur sempre molto simile, Li molti e molti!

Halloween è una festività celtica celebrata la notte del 31 ottobre. Trae le sue origini da ricorrenze celtiche e ha assunto negli Stati Uniti le forme accentuatamente macabre e commerciali con cui oggi la conosciamo.

L’usanza si è poi diffusa anche in altri Paesi del mondo e le sue manifestazioni sono molto varie: si passa dalle sfilate in costume ai giochi dei bambini, che girano di casa in casa recitando la formula ricattatoria del trick-or-treat (dolcetto o scherzetto).

Caratteristica della festa è la simbologia legata alla morte e all’occulto, di cui è tipico il simbolo della zucca intagliata, derivato dal personaggio di Jack-o’-lantern.

La parola Halloween rappresenta una variante scozzese del nome completo All Hallows’ Eve, cioè la vigilia di Ognissanti. Sebbene il sintagma All Hallows si ritrovi in inglese antico (messa di tutti i santi), All Hallows’ Eve non è attestato fino al 1556.

In base a questo vorrei farvi sapere che la festività dei Molti e molti che si celebra per lo più nel nord Sardegna, detto appunto Gallura è collocata nei primi del ‘900 quando in tutta l’Italia meridionale e, quindi, in Gallura, la maggior parte della popolazione viveva in condizioni economiche molto disagiate. Poche erano le famiglie benestanti (li signori), alle dipendenze delle quali lavoravano tutti i nullatenenti. Al posto del denaro spesso ricevevano beni in natura per il lavoro prestato nella coltivazione dei campi, per accudire il bestiame o per sbrigare le faccende domestiche della moglie del padrone. In ogni caso, con ciò che guadagnavano, riuscivano a malapena a sfamare la propria famiglia e a procurarsi gli abiti strettamente indispensabili per affrontare il freddo dell’inverno e il caldo dell’estate. In occasione di alcune feste importanti li ricchi (i ricchi) sentivano nella loro coscienza il dovere di fare delle opere buone in suffragio dei loro morti dai quali avevano ereditato i beni di cui erano in possesso. Speravano inoltre che così venisse aperta anche a loro con maggiore facilità la porta del Paradiso una volta che fossero passati a miglior vita. Proprio nella notte tra l’1 e il 2 di novembre, nella ricorrenza della festa di tutti i Santi e della commemorazione dei defunti, i poveri andavano a bussare alla porta dei ricchi chiedendo loro viveri di qualunque genere (fave e fagioli secchi, patate, castagne, noci, mele, fichi secchi…). Prima di andar via ringraziavano la padrona di casa dicendo “Sia pal’anima di li ‘ostri molti”. Chiedevano insomma li molti e molti. Poteva anche capitare, come in effetti capitò, che la padrona di casa sbattesse la porta in faccia all’ennesimo poveretto che le si presentava dinanzi, o perché in quel giorno a chiedere li molti e molti erano stati in troppi, o perché spesso i ricchi sono anche tirchi!!!

L’usanza ai giorni nostri si è poi trasformata nella festività di novembre più attesa dai bambini della Gallura, il 2 novembre si spende l’intera mattinata in giro per i villaggi a bussare alle porte per chiedere Li molti e molti!

Spero che il post vi sia piaciuto…

Sono curiosissima di sapere se da dove venite voi esiste una festa simile, per questo motivo non dimenticate di commentare…

e… siccome è 31 ottobre…Happy Halloween!!!

Bacio da KiKa

PS. Divertiamoci un po`, condividete le foto delle vostre decorazioni o maschere sulla pagina di facebook di KiKa on Kids!

For the English version Click Here.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *