ShareShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on TumblrEmail this to someonePrint this page

 

Helloooooooo!!!!

Ciao a tutti,

finalmente il nuovo post è arrivato!

Ma prima lasciate che vi dia qualche news…

Le scuole in questo momento sono in pausa, una sorta di settimana bianca diciamo, ma oltre ad avere un sacco di compiti da fare, significa anche, che posso dormire senza sveglia!!!!

Oh yeaha!

Se avete iniziato a seguirmi su Snapchat @fe_de91 o semplicemente KiKa on Kids di sicuro sapete che ho fatto fare alcuni nuovi gadget: un KiKa on Kids adesivo, la mia custodia del telefono, una borsa e alcune maglie! ahahhahaahah

Fatemi sapere cosa ne pensate, ovviamente!!!

Di sicuro sapete anche, che la scorsa settimana era il compleanno di Bella e che questa  settimana quello di  Sofia. Ho fatto la mia prima deliziosa e stupefacente torta di guava (tipico frutto hawaiano).

Poi, che altro, il 22 parto per Charleston in South Carolina per seguire Sofia, ancora una volta in una delle sue competizioni di ginnastica.

Quindi, se siete interessati alla mia quotidianità  non vi resta che seguirmi sui miei profili social!

Ma ora iniziamo:

Quanti di voi hanno mai giocato con le bolle di sapone?

Si tratta di una di quelle cose che quando le vedi, porta adulti e bambini a stare con il fiato sospeso e il naso in su!

Questo post in realtà nasce, perché, un giorno Sofia mi ha chiesto di provare a dire la parola bolle in inglese (Bubbles)  usando un tono della voce cattivo ahahahhahahah bè in inglese è praticamente impossibile, provate e poi fatemi sapere!!!

Fidatevi le risate, saranno assicurate!!!

Naturalmente, come sempre, dopo  il tutto, ho iniziato a pensare alle bolle di sapone!

E…ora che  iniziate a conoscermi un po’ di più, so per certo che sapete che ho trovato un’altra sorprendente storia!

La vicenda risale al 17 ° secolo, quando alcuni pittori fiamminghi mostrarono a dei bambini come soffiare bolle da dei tubi d’argilla.

Generazioni di mamme del 18 ° e 19 ° secolo, facevano usare ai loro figli il sapone rimasto del bucato per soffiare le bolle.

All’inizio del 20 ° secolo, i venditori ambulanti  sono stati tra i primi a vendere le bolle di sapone come giocattolo per bambini.

Durante i primi anni del 1940, una società chimica, Chemtoy, che vendeva principalmente prodotti per la pulizia della casa, rivoluziona il mondo del giocattolo delle bolle di sapone dei venditori ambulanti, imbottigliandolo  in modo sistematico.

La società Tootsietoy acquisterà in seguito la Chemtoy distribuendo alla fine del 1940 al dettaglio il giocattolo delle bolle di sapone che tutti noi ora conosciamo.

Nel corso del 1960, le bolle di sapone diventano un simbolo di pace e armonia per i famosi così chiamati “figli dei fiori”, rendendo il giocattolo ancora più popolare.

Nel 1970, ’80 e ’90, le aziende che vendono il giocattolo come la Wells e la Pustifix dichiarano di aver aumentato le vendite in tutto il mondo per più di 200 milioni all’ anno.

Oggi, le bolle di sapone sono il giocattolo più venduto al mondo!

Incredibile, vero? Voglio dire, stiamo parlando di bolle di sapone!

Insomma, cos’altro posso aggiungere… Penso che non vi pentirete mai del tempo trascorso a soffiare le bolle di sapone!

Spero che il post vi sia piaciuto.

Fatemi sapere cosa ne pensate commentando, non dimenticate di seguirmi sui miei profili social e ovviamente iscrivetevi al blog!

Subscribe:

Bacio da KiKa

Godetevi questo video:

 

 

 

 

ShareShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestShare on TumblrEmail this to someonePrint this page

Pages: 1 2